_______ _

_

RODI GARGANICO

[STORIA] [MONUMENTI] [GASTRONOMIA] [ARTIGIANATO] [FESTE E TRADIZIONI] [CULTURA]

RODI GARGANICO:

Abitanti: 4.000 circa detti:"Rodiani"
Altitudine: m. 50 s.l.m.

NUMERI UTILI:
Municipio: 0884.965021
Vigili Urbani: 0884.966106
Carabinieri Pronto Intervento: tel. 0884.965101
Pronto Soccorso C.so Madonna Della Libera: 0884.965026
Ufficio Turistico P.za Luigi Rovelli, 12: 0884.965576
Come arrivarci:
dalla A14 uscita Poggio Imperiale, S.P. 37, poi Strada a Scorrimento Veloce del Gargano.
In treno: Con TrenItalia fino a San Savero e poi fino a Rodi con le Ferrovie del Gargano.

DESCRIZIONE:

Rodi Garganico Piccolo Centro agro/turistico del Gargano, si trova ad est del lago di Varano ovvero nella parte nord/est del Gargano, è arroccata su un ripido promontorio lambita dal mare ed immersa in una verde conca di pini, ulivi, agrumeti, alberi da fico e carrube che emanano nell'aria aromi inconfondibili e caratteristici di questa zona del Gargano.

Rodi Garganico anche nel 2013 ha ottenuto "Bandiera Blu", riconoscimento assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri di gestione sostenibile del territorio.

Il vecchio nucleo dell'abitato, di origine medievale, presenta vie strette e in parte ripide, dal tracciato complesso e intricato, fiancheggiate da case bianche di tipo schiettamente garganico. Per questa sua posizione, sospesa tra cielo e terra e tra colori e profumi, è un continuo succedersi di angoli incantevoli: spiaggie dorate, cale verdeggianti e profumate, imponenti strapiombi nel mare cristallino.

La cittadina di Rodi Garganico vanta un passato glorioso dedito alle attività marinare ed al commercio degli agrumi che si estendeva anche al di là dell'Adriatico gia dai primi del '900 (le antiche Agrumarie), anche per questo Rodi è conosciuta come "il giardino del Gargano".

Di antichissime origini greche, Rodi Garganico mantiene inalterato il suo centro storico ricco di portali lavorati in pietra, cornicioni finemente decorati ed antichi palazzi padronali.

Nel centro storico è possibile ammirare la chiesa di San Nicola di Mira con il campanile greco-bizantino e il Santuario romanico della Madonna della Libera.
La tradizione narra che la statua della Madonna della Libera, trasportata da Costantinopoli su una nave veneziana, giunta nei pressi di Rodi, fece fermare il bastimento.
Il capitano, sceso a terra per chiedere chiarimenti, vide l'effige della Madonna dritta sopra un macigno. Meravigliato la riportò a bordo; il mattino seguente, sceso di nuovo a terra, riconobbe nello stesso luogo la stessa immagine.
< Convinto che la Vergine volesse rimanere in questo luogo, ne fece dono alla popolazione che la elesse a sua protettrice.
Lambita dal mare e immersa nel profumo degli aranceti e limoneti, Rodi Garganico ha un paesaggio incantevole.


LA STORIA

...

MONUMENTI ED ARCHITETTURA:

Il Santuario della Madonna della Libera.
Chiesa di San Nicola di Mira.

GASTRONOMIA
Insalata di lampascioni.
Agostinelle marinate in olio e limone.
Insalate di arance.
Cannolicchi al limone.
Bianchetti marinati.
Zuppa di pesce alla rodiana.
Troccoli e seppie ripiene.
Minestra di lumachine.
Cozze e/o alici gratinate.
Liquori: Limoncino o limoncello, arancino e laurino (alloro).
Marmellate di Agrumi
Arance e limoni in tutti i modi.

ARTIGIANATO

...

FESTE E TRADIZIONI

fine Aprile:SAGRA DELE ARANCE (momento di deliziosa gastronomia)
2/3 Luglio: FESTA PATRONALE in onore di Maria SS. della Libera e S. Cristoforo.
11/19 Agosto: Festeggiamenti di San Rocco.
Agosto/Settembre: Festival Pianistico del Gargano.

CULTURA

Biblioteche:
Biblioteca comunale P.zza Giovanni XXIII,tel. 0884/965021

A RODI GARGANICO VI CONSIGLIAMO:

- HOTEL VILLA AMERICANA
- RESIDENCE DUCALE






il GARGANO

i PAESI

HOTEL

CAMPING

AGRITURISMO

APPARTAMENTI

RISTORANTI

LAST MINUTE

EVENTI

BLOG

Spazi pubblicitari SulGargano.it


[home] [Gargano] [Comuni]
[hotel] [camping] [agriturismo] [appartamenti] [bed-breakfast] [ristoranti]
[porti e moli]
[eventi] [last minute] [link] [BLOG]




per la Pubblicità su questo sito: CLICCA QUI
SulGargano.it © 2002-17 Luigi Di Tullio